Monthly Archive:febbraio 2016

Byadmin

Storytelling Araldo – 012Factory Life

012life012Factory life: dimostra come a fare la differenza non è l’età, ma la tua motivazione

Sono il “diversamente giovane” che ha partecipato alla seconda edizione dell’Academy imprenditoriale 012Factory a Caserta, classi 1952. Sono stato “adottato” dai mentor e allievi dai venti anni ai quaranta ed è stata una bella esperienza che ho condiviso con piacere e tanta emozione.

Appassionato studente delle ricette storiche della gastronomia medievale campana ed italiana da oltre 10 anni, ho organizzato eventi dove diverse persone hanno potuto vivere un’esperienza unica e originale nel settore della gastronomia storica.

Con sacrifici e investimenti, nel 2005 la comunità che seguiva ConviviStorici si estende all’estero, fino al punto che una troupe giapponese della Tv ASAHI vola verso l’italia per arrivare a casa mia, dove ho cucinato delle pietanze alla Medievale che fanno parte di un documentario che è andato in onda per far conoscere la cucina italiana prima dell’avvento del pomodoro in Italia.

Gennaro, come è nato tutto e quale problema risolve la tua startup?
Il problema che risolve ConviviStorici è soddisfare il bisogno delle persone di conoscere la storia degli alimenti e far avvicinare i giovani alla tavola, luogo familiare dove affrontare successi e insuccessi. Per farlo, offro un’esperienza inedita nel campo della gastronomia e in particolare, quella medievale. Nella mia infanzia ho avuto l’opportunità di vedere mia nonna che con una famiglia molto numerosa (come era in uso anni fa, lei, sette figli, il marito e il sottoscritto), riusciva a portare a tavola, delle gustose pietanze con quel poco che forniva la terra. Quello che più mi colpiva era l’assenza di un alimento che da noi in città era molto usato, il pomodoro.

Quando, per ragioni naturali mia nonna volò in cielo, tra i tanti ricordi che mi legavano all’ultima “grande madre” avendo già perso gli altri nonni molto tempo prima, un ricordo molto vivo era la sua cucina, fatta di povere cose ma così variegata.

Perché proprio quei momenti?
Perché erano i momenti più intensi! A tavola, si parlava dei progetti futuri, del lavoro che si stava svolgendo, degli amori, dei prossimi matrimoni, si appianavano divergenze. Momenti di pace e costruttivi per il futuro. Amante della storia e della cucina, frutto di una passione trasmessa da mio padre, ottimo cuoco ma che faceva il ferroviere, iniziai a studiare quelle pietanze approfondendole dal punto di vista storico. Fu entusiasmante, scoprire che molte di quelle “minestre”, “primi piatti” e unici in tavola, affondavano le radici nei tempi antichi. Iniziai ad approfondire, acquistando libri, utilizzando il computer, acquistando riviste storiche di interesse gastronomico, fin quando decisi che era uno “scrigno di tesori” che meritava di essere messo in pratica e fatto conoscere, era l’anno 1998. Dopo un anno di preparazione, convinsi un ristoratore del casertano ad appoggiarmi, preparai dei volantini e iniziai a parlarne in famiglia e con gli amici, poi tramite il passaparola organizzai il mio primo Convivio Storico.

Fu un successo, nonostante lo scetticismo del ristoratore che mi mise a disposizione un solo cameriere e quindi, oltre a commentare le pietanze nella mia qualità di Araldo (messaggero), feci anche il cameriere per far si che le pietanze arrivassero calde a tutti. Forte di quell’inizio e conscio di dover arricchire ancora quei momenti di convivialità, le successive furono modificate con l’aggiunta di due attori in costume che riempivano gli intermezzi tra una pietanza e la successiva. Poi per ragioni di lavoro e familiari ho dovuto smettere senza però mai abbandonare il progetto, studiando e fornendo collaborazioni a chi me le chiedeva, nel frattempo pubblicai il sito web dove nel corso del tempo arrivò ad essere seguito da 1 milione di persone interessate a questo tipo di esperienza.

Sono fermamente convinto che le nostre “tradizioni storiche” hanno bisogno di essere tramandate e fatte conoscere, ConviviStorici nasce per far rivivere la nostra Cultura Gastronomica Storica e farla conoscere e rivivere, organizzando eventi dove vivere un’esperienza unica di gastronomia storica.
Ad oggi è l’unica startup italiana ad aver validato un suo modello di business, gli altri competitor sono su base volontaria.

Cosa ti è piaciuto dell’academy imprenditoriale 012Factory?
L’Academy è stata importante perché mi ha fatto conoscere ed approfondire gli elementi che devono essere presenti per la buona riuscita di un’azienda. E’ importante conoscere i rischi, le insidie e i punti critici che possono contrastare la sua nascita; mentre applicando correttamente i moduli del percorso dell’academy, essi contribuiscono alla nascita “assistita” e alla stabilità nel tempo di un’impresa “vincente”.