Category Archive:Uncategorized

Byadmin

Diario di Araldo

 

tris-di-cereali-alla-marinara-di-gennaro-caparco

16 febbraio 2017

Il piacere della gastronomia

Un progetto deve essere “coltivato” ogni giorno.

Il mio progetto è quello di far rivivere la “Gastronomia Storica” dal Medioevo al Rinascimento.

Bisogna essere assorbiti al mille per cento per portare a termine, alle volte non basta la passione, lo studio , la ricerca, ma serve quel “quid” imponderabile, sconosciuto che aiuti per fargli luce.

Certo le qualità, servono, ma non bastano.

L’aggiornamento deve essere continuo e costante. Dal 1999 seguo la “gastronomia storica”, con il sussidio di libri, con visite negli antichi castelli, nei monasteri e nei conventi, tutto al fine di raggiungere la “conoscenza” di “nuove” ricette, che poi cerco di non deformare per rendere “attuali” , oggi, nel momento storico che stiamo vivendo.

Il piacere della gastronomia è questo.

Sperimentare, provare e riprovare, per far si che una pietanza possa dare il meglio e raccontare con gli ingredienti, la Sua Storia.

Viviamo in una società dove impera il “mordi e fuggi” e non solo nella gastronomia, ma in tutto quello che ci circonda. Sono difficili i momenti di tranquillità e di serenità, forse uno dei pochi momenti è questo, quando si mangia!

Allora? Facciamo in modo, che non si trasformi anche questo in un ulteriore stress psicofisico, divertendosi e assaggiando qualcosa di diverso, insolito!

Tutti possono richiedere i Menu Storici che sono stati selezionati, non avrete una sterile paginetta con delle ricette ma un amico che vi condurrà per mano, alla sua composizione, fosse anche per la richiesta di una sola ricetta storica.

La mia Mission, è quella di far conoscere la Gastronomia Storica Italiana per cercare di non farla dimenticare ma riscoprire, conoscere e diffondere le nostre Tradizioni Gastronomiche dal Medioevo al Rinascimento. Grazie.

 

 

Byadmin

Le donne sono buongustaie.

donne ai fornelli

Così nel 1825 scrive Anthelme Brillat-Savarin in “La fisiologia del gusto”, uno dei testi base della cucina moderna.

«Le donne sono buongustaie. L’inclinazione del bel sesso verso il buongusto ha qualcosa d’istintivo perché il buongusto favorisce la bellezza. Una serie di osservazioni esatte e rigorose ha dimostrato che un regime di cibi succulenti, delicati e ben preparati allontana per molto tempo i segni della vecchiaia. Esso dà agli occhi un più vivo splendore, alla pelle maggior freschezza e ai muscoli maggior consistenza, e siccome è accertato che in fisiologia le rughe, queste terribili nemiche della bellezza, sono prodotte dalla depressione dei muscoli, è altrettanto giusto affermare che, a parità di condizioni, coloro che sanno mangiare sembrano più giovani di dieci anni di quelli che tale arte non conoscono».